Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Le tradizio' a la riscossa!

Lu dialettu ad'è la lingua vera nostra (tanto che è rmasta quasci uguale per dumil'anni), quella che parlava li vecchi nostri e pure nojatri, prima che la televisio' e la globalizzazio' ce 'mbastardisse a tutti. Addè quasci ce sse vergogna de parlà lu dialettu, ammesso che ce lu rrecordemo. Non parlemo de li frichi: quilli non sa più mango do' stà de casa, e cuscì addio a la cultura e a la storia de la terra nostra, Patre Fiju e Spiritu Santu àmmene.
Pure se lu dialettu non se parla quasci più, forze proprio per quesso la jente ce va matta. E mica solo la jente vassa, li contadì, che tra l'atro ad'è 'na razza 'stinta: nòne, lu dialettu piace porbio a tutti, anzi (quanno se dice lo strano) speciarmente a la jente cuscì ditta "acculturata". Per lo meno, se no' lu parla più, je piace a sintillu. Non ce credi? Tu vanne a 'che rappresentazio' de le commedie dialettali, spèce quelle de le combagnie che va pe' la maggiore, e guarda quanta e quala jente ci sta: ricchi, poretti, 'strutti e 'gnoranti, 'nzomma, un pubblicu de 'gni sorta. E tutti che sse spella le mà, se pacca da lo rride o puramente se sente lu còre rmestecàsse. Eppo', pròa a fatte un contu de le combagnie che fa commedie dialettali o de li gruppi folkloristici: u' sfracellu. E la cosa che più te fa strasecolà è che su 'sti gruppi ce stròj sembre più jonotti e fantelle. E' vero che su lu nummeru ce stròj de tutto: quilli più bravi e li scazacà, però tutti cià lu stessu meritu. Qualu? Quillu de 'mpegnasse pe' no' mannà perzu un patrimoniu de cultura e de storia.

Dici poco? Non ci sta un paisittu o un paesone che non cià una o più combagnie de teatru dialettale o, mejo 'ngora, 'che gruppu folkloristicu che recupera li valli, li canti, li mestieri e li riti de un tempu che fu. Nostargìa de tembi più umani e più ricchi de valori? Pòle èsse, ma quilli che ce sse dedica ad'è sembre de più jente studiata, che fa un lavoru de ricerca qualificatu e preziosu. Jente che ha capito che se te taji le radici è come se te tajèssi..., ce scémo capiti! E lo mejo ad'è che pure le 'stituzio', overoscìà li capoccio' che cce governa, ha capito la 'mportanza de lu discorzu, tantoché pure la Provincia de Fermo ha lanciato 'n'iniziativa pe' lu recuperu de lu folklore de lu territoriu: staòta 'gna faje tantu de cappellu, brai coccio'! Io non ciao cosa a che spartì co' la Lega, che mme pare tutti fòri de testa quanno dice che 'gna divide 'n'atra 'òta l'Italia (dopo tutta la fatica e li morti che c'è voluti pe' rreccapezzalla), però quasci quasci su 'na cosa so' d'accordo: su li programmi scolastici, se ce fosse 'n'oretta 'gni tanto de dialetto e de cultura popolare non guasterìa! Penzétece: 'na 'òta a lu mese in classe 'rrìa lu scontafavole, lu vecchiu che racconta comme se vivea quanno 'n ci stava la televisio', lu ricercatore che spiega l'usi, li costumi, li riti, l'arti e li mestieri d'un tempu...

Eppo', già che scémo in discorzu, che spettémo a tirà fora de la Vivlioteca de Fermo tuttu lu materiale che ci stà su 'sta materia? Perché non se dà 'na sporveratella a 'llu pòru Mannocchi e 'n se fa 'na bella mostra didattica co' tuttu lu lavoru de ricerca ch'ha fatto su le tradizio' popolari e su lu dialettu, co' 'lli belli disegni, le poesie? Chidù ce storcerà lu musu, e allora a quissi je vurrìo rrecordà che li maggiori poeti dialettali nostri ad'era porbio li signori, li nobbili... Scì, quilli come Mannocchi che, data la statura, se mintuava da per sé "Lilliputto" ma che, in quanto a pascio' pe' la terra so', ad'era un madonno', tanto che ha lasciato un patrimoniu de cultura popolare. E siccome je piacéa pure scrìe li stornelli, se potesse ogghi canterìa: "Fiore de stagni, / lo vive de 'na 'òta te lu 'nsogni! / Non fa lu "finu" e parla comme magni!".

Devi effettuare il login per inviare commenti

Eventi Oggi

  • Teatro e Danza
    Anfitrione

    da Plauto. Con Gigio Alberti, Barbora Bobulova, Antonio Catania, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Valeria Angelozzi. Regia di Filippo Dini


    Montegiorgio
    21 Jan 2020
  • Presepi Artistici
    Presepi napoletani in mostra

    collezione degli Amici del Presepe di Ercolano


    Ancona
    dal 07/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe Artistico in movimento

    Presepe artistico meccanizzato


    Ancona
    dal 20/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe artistico meccanizzato “Benedetto XVI”
    Loreto
    dal 01/12/2019 al 01/03/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe tradizionale meccanizzato “Santa Casa”
    Loreto
    dal 01/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepi artistici permanenti

    ore 11,30 Marciabili per le Vie del Paese, Corpo Bandistico Francesco Graziani; pranzo con lasagne dell’Immacolata (solo da asporto) in Piazza Umberto I, ore 17 Letture di Natale in Biblioteca, inaugurazione Mostra di Presepi Artistici permanenti in caratteristica grotta naturale Largo Graziani, Mercatino di Natale presso Centro Aggregazione Giovanile


    Grottazzolina
    dal 08/12/2019 al 31/01/2020

Annunci

Vitali - Novembre 2019

Vai all'inizio della pagina