Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Ce senti, cerqua? 'Ddè màgnete... lu "cibu poveru"!

Parlo de Fermo perché io so' de ècco, ma lu discorzu vale pe' tutti. E li rimbiandi pure. E a me me vène da rembiagne li tembi jiti, quanno lu paese finìa poco fora de la porta de casa e tutto jirava 'ttorno a Piazza. Eh, 'llu pòru Mercatu copertu! Co' le vangarelle de li contadì piene de verdure fresche de campu e de stagio'! Eppo' lu spacciu de la Commune, te rrecordi? Ciavéa tutto sfuso: 'na sfilarata de cassetti grossi co' dentro la pasta, la farina, lo zucchero... Co' le séssole te rrembìa li cartocci de carta paja co' la quantità justa che te servìa: menz'ettu, un ettu, du' etti quann'era tanti... L'istesso pe' la conzerva, le sardelle, lo tonno: stava tutto dentro a li latto' e co' la cucchiara te facea le cartatelle proporzionate a lo magnà de 'llu jornu e... a li spiccetti che ciavéj in saccoccia! Perché 'lli tembi, dopo la guerra, era cattìi, e senza la televisio' la sera se java a letto presto e ce sse spassava co'... lu zigu zagu! Lu risurtatu era 'na caterva de frichi e 'na caterva de vocche da sfamà.

Perciò, co' 'lli du' sordi dovèj sta' 'ttentu a non sprecà cosa, anghe perché la robba java magnata subbito, minga ci stava li frigoriferi. E quesso, a guardà bè, non era un male: voj mette a magnà robba fresca tutti li jiorni, immece de quella de addè che non ze sa de dove vène e che gorbu ci sta dentro pe' conzervalla? Pe' non parlà de lu prezzu, otre che de la qualità: atro che chilometru zero! 'Na 'ota la robba 'rriava magara dall'orti sotto casa tua, 'ppena fòra de le mura, e per quesso era vòna e poco carestosa. Lo latte, po', te lu portava a casa callu callu, ce mangava solo che te portava pure la 'acca sotto casa!

Ma che se magnava, 'na 'òta? Parlo de la jende comune, 'che li ricchi facéa razza a parte. Se magnava, come te so' ditto, tutta robba semplice, poretta, ma fresca, genuina, saporita come che solo la robba de li poretti pòle èsse. Perché li poretti, quanto a fandasìa, su la cucina no' li freca gnisciù. E la fandasìa scappava fòra soprattutto quanno che ce sse dovéa 'nventà un modu pe' riciclà l'avanzi, ammesso che co' 'lla fame ce rvanzasse checco'. L'allesso, soprattutto, era quillu che più de ogni atra cosa te la stroàvi su lu piattu pe' tre jorni de fila. Lu primu jornu, justamende, era allessu e basta. Ma siccome quanno te cce scappava de combrà 'mmocco' de carne non è che lu taju era de prima scelta (ma de vèstie che se poco poco no' le 'mmazzava capace che murìa da per loro!), l'allessu era 'na spèce de ciavatta che, 'cciacca 'cciacca, te toccava 'gnottìllu co' 'n 'mmecchié d'acqua! Perciò, spèce nojatri frichi, ce sse storceva lu musu. E allora, sotto co' la fase due: l'allesso se tritava, ce sse mettea la mujica de pà 'mmollata, un ovu, 'mmocco' d'odori, magara 'che patatella spappata e l'allessu divendava tande belle porpette fritte pe' la cena de lu jornu dopo. Quelle scì che èra vòne! Ma siccome a forza de mujica vagnata e de patatelle spappate l'allesso s'era rlevetàtu, potéa capità che pure le porpette rvanzèsse. Fase tre: un sughettu de cipolla e pomodoru e... jo' le porpette in ummido, cuscì la cena era 'ssicurata pure lu terzu jornu!

E addè? Addè tutti pare che vòle rtornà a lo magnà de 'na 'òta: "cibo povero", "chilometro zero", erbe stroàte, 'ddirittura "orti cittadini"... Ma che te credi, che è perché la jente ha capito lo zozzo che se magna ogghj? Ma vanne 'mbo': è perché addè le saccocce è più svòte de quelle de li poretti de 'na 'òta e tutti cerca a sparagnà. Ce senti, cerqua? E' porbio vero: se non ce sbatti lu musu, minga lo capisci che se statìa mejo quanno se stava pegghio!

Devi effettuare il login per inviare commenti

Eventi Oggi

  • Musica Classica
    Napolide

    con Iaia Forte e Quartetto Anéma


    Urbino
    23 Jan 2020
  • Teatro e Danza
    Misery

    di William Goldman. Con Arianna Scommegna e Filippo Dini


    Ancona
    dal 22/01/2020 al 26/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepi napoletani in mostra

    collezione degli Amici del Presepe di Ercolano


    Ancona
    dal 07/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe Artistico in movimento

    Presepe artistico meccanizzato


    Ancona
    dal 20/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe artistico meccanizzato “Benedetto XVI”
    Loreto
    dal 01/12/2019 al 01/03/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe tradizionale meccanizzato “Santa Casa”
    Loreto
    dal 01/12/2019 al 31/01/2020

Annunci

Vai all'inizio della pagina