Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Quanno che lu turismu non se sapèa che d'era

Facémo finda che scimo rtornati arrète su lu tembu e che chiedimo a chidù, a un ciottadì o, pegghjo me sendo, a un contadì: "Tu lu fai lu turista?". Quillu te guarderìa stranitu e te responnerìa: "Lu turista? E che d'è, robba che sse magna?". Perché "turismu" ad'è 'na parola moderna, che solo addè sta su la vocca de tutti. Prima, armeno fino all'anni Quaranda, ad'era 'na parola che potéa scappà solo de la vocca de li signori, eppo' mango tando. Perché pure li signori, quanno se spostava de li palazzi de città, no' java a fà li "turisti", ma a "passà la stagio'". Che volea dì che su li mesi estivi pijiava varacca e burattì, li guardaroba estivi e li servi, se spostava su le case che ciavéa su li posti de mare o de cambagna o de mondagna e ce passava la vella stagio'. E in genere era posti a portata de mà, vicino casa: per un presembiu, quilli de Fermo java tuttarpiù a Portu San Gnorgiu, in unu de quilli villini o villoni su lu lungumare o frammenzo a le pinete subbito arrète a la spiaggia. E 'ngora ogghj le pòi vedé, 'lle belle case, 'mmocco' 'bbandonate, 'mmocco' 'cciaccatelle, perché addè li signori lu turismu lu fa per daéro e la stagio' la va a passà in gniro pe' lu munnu, in posti lontani o esotici.

E li stranieri? Li todeschi o l'ingresi? Ce venéa a fà li turisti ècco nojatri? Chidù scine, ma se trattava sembre de robba de ricchi, in genere jonotti o jonottelle 'ccombagnate de li tutori o de le dame de combagnia che visitava l'atre nazio', spèce l'Italia, pe' combletà l'educazio', l'istruzio'. Ma mango allora se potéa parlà de turismu: je sse dicea lu "grand tour", sarrìa comme a dì "u' jiru grossu" pe' conosce lu munnu. E donca, pure quesso ad'era un lussu che sse potéa permette pochi. Po', dopo l'utima guerra, è 'rriatu lu vum 'conomicu e la musica ad'è cambiata: la jente, spèce quella de le città grosse che magara lavorava su le fàbbreche, ha cominciato a avecce che sordarellu in più in saccoccia, ha potuto magara combrasse 'na mmachinetta e l'estate se potéa permette de fasse un viaggettu e jì a lu mare pe' 'na quindicina de jorni. Ma mango allora se potéa parlà de turismu veru e proprio, tuttarpiù se dicéa che se "java in ferie".

E siccome prima l'arberghi o le penzio' era pochette e carestose, la jende de li posti de villeggiatura ha sfruttato la situazio' e ha 'nventato quella che addè je sse dice "l'industria turistica". Che facéa? L'estate, quanno che 'rriava lu populu de le ferie, tutta la fameja se trasferiva su li garage o su le stalle e 'ffittava la casa a li villeggiandi. Po', mano mano, l'industria turistica è nata per daéro, ha rraperto l'agenzie de viaggio e addè l'offerte pe' jirà lu munnu ci sta per tutti e tutte le saccocce. Ma lo grosso de la jende continua a 'ccontentasse de posti meno esotici e cuscì l'estate anghe li postarelli nostri se rrembie de ciottadì che vène a respirà 'mmocco' d'aria vòna ecco nojatri, a proà quelle che addè je sse dice "tipicità" e che pe' nojatri è sembre state cose normali, de tutti li jorni.

Eppo', piano piano, è 'rriati in massa anghe li stranieri, spèce todeschi, e a li maschi locali, co' tutte 'lle stangone vionne e in cerca de lu fascinu latinu, a je ss'è 'rrapertu tuttu un munnu, un territoriu de caccia che mango se lu 'nsognava. E cuscì, pure ecco nojatri, ce scemo cominciato a avecce li "letin lover", li stallo', li vitello' che fino allora se vedéa solo su li film de Fellini: panza in dentro e petto in fòri, passegghiava su e jo' pe' la riva cerchenne de 'ddocchià la preda justa, quella da rimorchiasse la sera in 'che balera co' la speranza de finì la serata a 'cciuturasse in 'che angolittu de spiaggia.

E quanno erevamo frichi nojatri? Bè, a modu nostru erevamo furtunati, perché lu mare stava a portata de mà e, soprattutto, de "trinittu": lu miticu trinittu dell'Afa co' la locomotiva e li vago' rraperti, co' 'lli sedilacci de legno, che 'rrangava pe' la valle der Tenna fino a lu mare, fino a lu Portu, che per nojatri era l'America o la Malesia de Sandokan. Ma minga era un lussu de tutti li jorni: tutt'ar più la domeneca, quanno co' tutta la fameja, carghi comme somari de sdraio, ombrellò e vettovaje, ce sse spostava in massa pe' passà la jornata su 'lle spiagge quasci deserte, co' li casotti a righe vianghe e celesti, pine de sassi e de piande spinose che te sbusciava li pè.

E le varche de li pescatori? Quanno 'rriava a riva co' 'lle vele colorate era 'na festa pe' tutti, ce paréa che venisse da chi sa qualu Oceanu immece che da 'llu sputacchittu de mare che d'è lu nostru. Addè 'llu mare non se rconosce più, e quasci mango se vede più, co' tutti 'lli stabilimenti che ha cementificato tuttu lu lungumare. Le spiagge ad'è tutte rpulite e pettinate, co' l'ombrello' 'ppiccicati unu a un atru che otre tutto costa u' sboccu de sango. E le varche de Sandokan non ci sta più, finite le vele colorate, e co' esse è finiti pure li sogni nostri, la fandasia, l'avventura. Quasci quasci, se stava mejo quanno se stava pegghio.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Club Incontri

Annunci

Vai all'inizio della pagina