Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Duecento anni fa Waterloo. Evento speciale il 19 giugno per ricordare la storica battaglia

PORTO SAN GIORGIO - Come da un vaso di Pandora, una volta scoperchiato, esce qualcosa di inaspettato, così un avvenimento lontano nel tempo può innescare una serie eventi le cui conseguenze restano visibili ancora oggi. Come Pandora, Giuseppe Mascitelli è animato da una grande curiosità, e da un incontro occasionale (uno speciale in tv) con la battaglia di Waterloo, è nata una vera passione che l'ha spinto ad indagare i vari aspetti di quella vicenda. Le origini sangiorgesi di Mascitelli e il forte legame che ha mantenuto con il territorio, nonostante da 25 anni viva a Milano, l'hanno portato a chiedersi se quella Villa Bonoparte che negli anni della sua giovinezza era per lui un luogo di fascino e mistero, avesse qualche legame con il grande imperatore francese.

Le ricerche hanno dato i loro frutti e da una conferenza organizzata a Montecarlo tra il 2005 e il 2016 è nato un evento culturale innovativo ed “esportabile”, perché – dice Mascitelli – “la cultura non deve annoiare”. Un evento dal format ancora top secret, che si svolgerà al Teatro comunale la sera del 19 giugno, giorno del duecentesimo anniversario della battaglia di Waterloo. “Sarà – ha detto Mascitelli durante la conferenza stampa di presentazione – l'unico evento in Italia che ricorderà questo storico avvenimento proprio nel giorno in cui è accaduto. Dalla battaglia di Waterloo c'è tanto da imparare: è stata la prima sconfitta di Napoleone, quella in cui l’imperatore ha perso la guerra e dopo la quale il mondo è cambiato. Napoleone non era un uomo abituato a perdere; penso che da questo avvenimento possano essere estratte tante lezioni per la vita di tutti i giorni”.

Durante la serata del 19, gli eventi di quel drammatico giorno, in cui morirono quasi dodicimila francesi, e le ragioni che portano alla sconfitta dell’esercito di Napoleone, saranno ripercorsi attraverso filmati, racconti, disegni e commenti “molto popolari”. Un’attenzione particolare sarà data alla figura di Jerome Bonaparte, fratello di Napoleone, che partecipò alla battaglia e che dopo la sconfitta peregrinò per l’Europa prima di raggiungere la madre a Roma e, poco dopo, arrivare a Porto San Giorgio. Qui, per circa un anno, fu ospite di una famiglia del posto. Nel frattempo la villa che porta il nome della sua famiglia veniva costruita e Jerome vi fece trasferire la sua corte francese.

La serata si concluderà con una fiaccolata attraverso le vie della città vecchia fino ad arrivare a Villa Bonaparte, dove ai partecipanti sarà offerto un buffet. All’iniziativa sono stati invitati, tra gli altri, imprenditori provenienti da diverse parti d'Italia, che alloggeranno negli alberghi della città.

“Quello del 19 giugno – ha detto il sindaco Nicola Loira – sarà un contributo significativo all'estate sangiorgese e alla conoscenza di una parte importante della storia che, se ben sviluppata, potrà diventare un elemento identificativo della città e di promozione turistica e culturale”.

“Viviamo – ha concluso Aurelio Zangheri della Banca Mediolanum, sponsor dell'iniziativa – in un'epoca di grandi cambiamenti. Non possiamo restare fermi ad aspettare, ma dobbiamo trovare strade nuove che consentano alle nostre eccellenze di farsi conoscere e apprezzare, ed iniziative come questa lo rendono possibile”.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Club Incontri

Annunci

  • Impiegati  Fermo - Cerco lavoro possibilmente mattino come impiegata ...
  • Operai  Civitanova marche - cerco signora lavapiatti con esperienza per ristor...
  • Operai  Montegranaro - Cerco operai nel settore calzaturiero con esperien...
  • Colf, Badanti, Baby sitter  Porto recanati - Cerco lavoro come badante o pulizia zona porto Rec...
  • Colf, Badanti, Baby sitter  Ascoli piceno - Cerco lavoro come badante part time solo mattina. ...

Vai all'inizio della pagina