Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Nuova ambulanza per la Croce Arcobaleno. Remia: "Realtà importante per territorio, Regione rispetti impegni presi"

PETRITOLI - Chiude portando a casa un importante risultato il mandato del direttivo della Croce Arcobaleno targato Maria Grazie Remia. Il 30 aprile l'associazione di pubblica esistenza della Valdaso andrà infatti al voto per eleggere i nuovi componenti. Il risultato di cui si parlava è l'acquisto di una nuova ambulanza attrezzata che sostituirà quella fino ad oggi in uso.

Costato circa 70mila euro, il mezzo è stato inaugurato sabato scorso a Petritoli, presso la sede della Croce Arcobaleno. Al taglio del nastro erano presenti, oltre ai membri del direttivo e ai militi, i sindaci dei Comuni serviti da questa pubblica assistenza (Petritoli, Monte Vidon Combatte, Ortezzano, Monterinaldo, Montottone, Monte Giberto, Ponzano di Fermo), i “cugini” della Croce Verde Valdaso e della Croce Verde Porto Sant'Elpidio e il presidente della Fondazione Carifermo Alberto Palma. La fondazione ha infatti donato 15mila euro per l'acquisto dell'ambulanza. Il resto è frutto del risanamento di bilancio della Croce Arcobaleno, del contributo dei sette Comuni che da maggio 2013 versano ogni anno all'associazione un euro per ogni proprio abitante e di donazioni dei cittadini, raccolte durante le iniziative organizzate dalla Croce Arbobaleno per raccogliere fondi.

La nuova ambulanza va ad arricchire un parco di otto mezzi che a breve dovrebbe vedere anche l'arrivo di un mezzo per il trasporto dei disabili.

“Quello di oggi – ha detto la presidente della Croce Arcobaleno Maria Grazia Remia – è per tutti noi un giorno molto atteso. Essendo una Potes (Postazione territoriale dell'emergenza sanitaria, ndr) medicalizzata, la nostra è una realtà molto importante per il territorio. Sono circa 570 gli interventi che effettuiamo ogni anno, quasi due al giorno, anche in zone non strettamente di nostra competenza, quando necessario. Abbiamo buoni rapporti di collaborazione con le altre pubbliche assistenze e attendiamo con fiducia che la Regione Marche rispetti gli impegni presi lo scorso dicembre, riconoscendo il valore del nostro lavoro e sostenendoci economicamente”.

Francesca Pasquali

Devi effettuare il login per inviare commenti

Annunci

Vai all'inizio della pagina