Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Mario Ferracuti: il Leone delle Marche

Non c’è niente da fare: quando ti “scatta la scintilla” (così dice lui) sei fregato, devi seguire la tua vocazione a qualunque prezzo. Veramente, il prezzo più grosso l’ha pagato quella santa donna di sua moglie, che si è dovuta rassegnare ad avere un marito… di corsa! Avrete capito che il “lui” di cui sto parlando è il “nostro” Forrest Gump, alias: Mario Ferracuti, il maratoneta, il “Leone delle Marche”, come lo chiamano fuori regione e nel mondo. Perché invece qui al paesello, nel suo Comune, nella sua Provincia e nella sua Regione, seguitano ad ignorarlo, e questo un po’ (tanto) gli rode. Circa il paragone con Forrest Gump, regge e non regge: perché a Forrest a un certo punto la “scintilla” si è spenta e ha smesso di correre. Il nostro Mario, invece, alla tenera età di 88 anni ancora continua. E corri che ti corri, ha accumulato circa 300 mila Km., ha vinto premi su premi, si è guadagnato la fama giornalistica e televisiva nazionale ed estera e perfino onorificenze pontificie e di vari presidenti della Repubblica. E questo è solo un minimo condensato della sua indefessa carriera da podista, ché se dovessimo elencarne tutti i “numeri” ci vorrebbe un libro (a proposito, il Ferracuti ne ha scritti due, e si suppone che quelli li abbia scritti da fermo!).

Quindi, andiamo un po’ a conoscere l’uomo Ferracuti: perché, a un certo punto una persona comincia a correre e non si ferma più? “Sono stato operato di tumore alla carotide nel 1964. Dopo l’operazione mi ero fissato che sarei morto. Allora mio cognato che era medico mi disse: 'Comincia a camminare, così soffri e vedrai che non penserai più a morire'. E ho cominciato: avevo circa 44 anni. A quei tempi iniziavano le prime marcelonghe e un mio amico mi disse: 'Perché non vieni stasera a correre a S. Elpidio a Mare? E’ una corsa a squadre e dobbiamo mettere una persona che abbia superato i 40 anni'. Ci andai e fui premiato come il più vecchio! Da quel giorno mi è scattata la scintilla, ho continuato a camminare, ogni settimana una o due corse e non mi sono più fermato”. Nel frattempo, la moglie, a casa, tirava su due figli e gli mandava accidenti: “Sì, mia moglie non voleva, mi ha sempre negato di andare a correre e tuttora ancora combatte! Ancora non s’è rassegnata, ma io continuo lo stesso”.

Incorreggibile. E col lavoro, come la mettevi? “Stavo alle Poste e mi mangiavo le ferie per andare a correre oltre la domenica, perché ho cominciato a girare l’Italia. Durante Giro del Lago d’Iseo, di 67 Km, incontrai il presidente del Gruppo Marciatori dell’Avis di Milano: 'Perché non entri a far parte del mio gruppo? Io sono scapolo, quando c’è una corsa mangi e dormi a casa mia, fai la corsa e riparti'. Poi, siccome lui andava spesso a correre all’estero: 'Ci mettiamo d’accordo, vieni con me in macchina…', e cominciai la prima gara all’estero: arrivai distrutto, uno di 50 anni che va a fare una corsa di 150 Km. è un pazzo! Ma mica mi sono fermato: sempre di più, sempre di più, tanto che ogni anno facevo fino a 5000 Km., di marce o di corsa”. Con buona pace (si fa per dire) della moglie che avrebbe preferito un marito “normale”, magari uno che andasse a giocarsi i soldi a carte al bar con gli amici, invece di “buttarli” per andare a correre per il mondo: “Per questo motivo mia moglie si arrabbia anche di più! In effetti, ho fatto un conto approssimativo: ho speso oltre 70 mila euro!”. Con tutto l’affetto per Mario, ci sentiamo solidali con la sua dolce metà! Ma insomma,quanto hai intenzione di continuare? Risponde serafico: “Ho programmato fino a 100 anni, poi Dio provvede!”.

Ma che sensazione ti dà correre? “Quando arrivi al traguardo ti senti un gladiatore. Ti senti un uomo libero:a livello umano conosci tanta gente, italiani e stranieri, godi della natura, anche nella sofferenza, che però per me è un grande godimento. Tu devi scrivere: 'L’uomo di corsa tutta una vita'; non sono riuscito neppure a prendere la patente, mi hanno bocciato! Ero condannato eternamente ad andare a piedi! E quando mi incontri per strada, tu in macchina e io a piedi, strombettami che ti saluto!”. Senz’altro, ma non so se farò in tempo: magari, vai più veloce di me e mi sorpassi!

Ultima modifica il Martedì, 17 Marzo 2015 10:59

Devi effettuare il login per inviare commenti

Eventi Oggi

  • Mostre mercato
    12^ Mostra del libro e del fumetto per ragazzi

    a cura della Biblioteca comunale "F. Cini"


    Osimo
    dal 18/03/2019 al 29/03/2019
  • Musica Leggera
    Bowland

    il Teatro della Fortuna di Fano accoglie un interessante progetto musicale


    Fano
    20 Mar 2019
  • Teatro e Danza
    Lopez e Solenghi show

    con Massimo Lopez e Tullio Solenghi


    Pergola
    20 Mar 2019
  • Musica Leggera
    Bowland
    Fano
    20 Mar 2019
  • Teatro e Danza
    Lopez e Solenghi show

    con Massimo Lopez e Tullio Solenghi


    Pergola
    20 Mar 2019
  • Musica Classica
    Bullo.....non sei bello!

    Opera giocosa. Coro, mimi e voci recitanti della Scuola Media Fracassetti di Fermo, Orchestra di fiati del Conservatorio G. B. Pergolesi di Fermo, direttore Roberta Silvestrini. Ingresso gratuito


    Porto san giorgio
    20 Mar 2019

Annunci

Vai all'inizio della pagina