Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Co’ lu tembu e co’ la paja…

Che te pija 'n gorbu! So' scoperto che so' tipica e non ce lo sapéo! Scine, perché so' nata in un modu tipicu, so' cresciuta in un modu tipicu e, soprattutto, magnavo robba tipica: perciò, co' tutta 'ssa tipicità, per forza devo da èsse tipica pure io! Oddìo, tanta normale non è che ce so' mai stata: sarrà per quesso? Però non è che me dispiace perché, se cce penzi vè, tipicità vòle di' jenuinità e ogghj come ogghj, do' te rjiri te rjiri, non è che ce n'è rmasta tanta de jenuinità. E me riferisco per prima cosa a la jende, a cumincià da li frichi: quilli, a forza de televisio', più che tipici ad'è tutti gualìti, j'ha fatto lu lavaggiu de lu cervellu. Pijémo li vistiti: guai a rvistisse in modu diverzu da quill'atri, pare che porta tutti la divisa, però de lussu o, comungue, a la moda. Pe' quilli che vabbu e mamma se lo pòle permette, non ci sta probblema: va in quilli negozzi specializzati pe' li frichi (sai quilli tipu "0-14"?) e lu jòcu è fattu. Quill'atri che non se lo pòle permette o fa un mùtuu, perché in quilli negozi la robba ad'è cara 'rrabbiata, o cerca de rcapezzà su le vangarelle de lu mercatu checcosa che rsumija a quella de li negozi. Ma siccome li frichi de addè ad'è tutti sfregnati, sta' tranguillu che te sgama sùbbeto e te cojona.

Po', lo magnà: se a scòla non te porti la merendina justa, quella de la televisio', o non vai armeno 'na 'ota a settimana da MèccheDònalde o in pizzeria, scì finito a cambà, perché li frichi ogghj ad'è fetenti e se fà forti de lu gruppu: o sci omologatu o te esclude. E quesso, dispiace a dillo, grazie anghe all'aria che respira dentro casa, spèce se vabbu e mamma cià li sòrdi e pe' quesso se sende cazzu. Non ce credi? Pròa a jì dentro a certe classi de l'elementari eppo' vedi: ci sta certe pelère che fa li ducetti solo perché "vabbu miu cià li sordi e lu to' no!". Addè, po', pegghio me sento perché co' la crisi non ci sta più ricchi, medi e poretti, ma solo ricchi sfonnati e morti de fame. E se a li ricchi sfonnati li morti de fame j'ha sembre fatto schifo, figùrete ogghj. Quello che no' je fa schifo, ad'è le zozzerie che 'na 'òta se magnava li morti de fame, overoscìa quelle che addè se chiama "tipicità" e che ad'è diventate tanto carestose che se le pòle permette solo issi. Certe 'òte te verrìa da dì: "A da rvinì Baffo'!". E rvène, rvène, stéte tranguilli.

Ma tornémo a vomma: te dicéo che io so' scoperto de èsse tipica. E te credo: so' nata dentro casa, co' la levatrice chiamata all'ùtumu minutu, che momenti 'rriavo prima io de éssa. Po' m'ha pocciato mamma: come se dice addè, direttamente "da lu produttore a lu consumatore"! Dice: e se màmmeta non ciavéa lo latte? Mica se java su la farmacia a combrà quillu in polvere come se fa addè, che pure pe' quillu ce vurrìa a fà un mùtuu, pe' quanto costa: allora se 'ddoperava latte de 'acca, magara 'mmocco' 'ddacquato, e via. E pe' li pannolini, stessa storia, tutta robba naturale: li pannolini de tela, lu miticu "ciripà" e le fasce che te 'nzalamava come 'na mummietta che sennò (se dicéa) a te viniva le gamme storte. E quanno che 'rriava lu svezzamentu? Mica l'omogeneizzati (atro mùtuu!): le pappette ce le facéa mamma e stanne certu che era tutta robba genuina, anzi, tipica! Come tutto quello che so' magnato dopo e che m'ha fatto grossa. Carne poca, ma de vèstie cresciute in modu naturale, senza èsse pompate comme che addè. Più che atro se magnava le frattaje: 'llu miticu frittu mistu, e cioè li pormoni, lu còre, la mirza, lo frécheto, tutto fatto in ummido co' le patate. Eppo' la spuntatura: quant'era vòne 'lle vudellette de vitella piene de latte 'ppena ciucciatu!

Addè, valle a stroà: a l'ha miste fòrilegge, dopo che ad'è doventate matte pure le 'acche, per colpa de tutto lo zozzo che je dà a magnà! Eppo' frutta e verdure fresche de la cambagna poco fòri casa, o l'erbette stroàte: li rugni, li crespegni, li speragni...; e lo cecio, la cicerchia, lo farro... E li jùjumi, le melette de san Joà, e le sciorvie... Come, che d'è le sciorvie?! Le sorbe, o sorbole, testo'! Era certi fruttarelli che se li magnavi 'ppena rcòti te 'llappava, te 'vvelenava. E allora se dovéa da mette sotto la paja e spettà che se maturèsse. Tanto che li vecchi nostri ciavéa fatto pure un proverbiu: "Co' lu tembu e co' la paja, se matura le sciorvie e la canaja!". 'Spèttete, 'spèttete... Occe, che idea! Ce vulìmo proà pure co' tutta 'ssa canaja che ce governa e che cià ridotto tutti a "ecceòmo"? Le cose è due: o ce proémo co' la paja a rmetteje 'mmocco' de judiziu o 'gna fà 'n'atra 'òta le varricate e rcaccià fora la ghijiottina... Mejo la paja: tutt'al più, se non dovesse da funzionà, je dacémo foco co' tutta la canaja! Alònsanfàn!

Devi effettuare il login per inviare commenti

Eventi Oggi

  • Musica Classica
    Napolide

    con Iaia Forte e Quartetto Anéma


    Urbino
    23 Jan 2020
  • Teatro e Danza
    Misery

    di William Goldman. Con Arianna Scommegna e Filippo Dini


    Ancona
    dal 22/01/2020 al 26/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepi napoletani in mostra

    collezione degli Amici del Presepe di Ercolano


    Ancona
    dal 07/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe Artistico in movimento

    Presepe artistico meccanizzato


    Ancona
    dal 20/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe artistico meccanizzato “Benedetto XVI”
    Loreto
    dal 01/12/2019 al 01/03/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe tradizionale meccanizzato “Santa Casa”
    Loreto
    dal 01/12/2019 al 31/01/2020

Annunci

Vitali - Novembre 2019

Vai all'inizio della pagina