Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

pennente prova2

La crisi greca fa crollare l'export: dal 2008 dimezzato l'acquisto di prodotti "Made in Marche"

MARCHE - Meno 57% di prodotti marchigiani esportati in Grecia dal 2008. E' il poco confortante bilancio stilato dalla Coldiretti Marche sulla base dei dati del commercio estero relativi a tutti i settori economici, dall’agroalimentare all’artigianato all’industria.

All’inizio della crisi il valore delle esportazioni marchigiane nel Paese ellenico ammontava a 265 milioni di euro, ridotti nel 2014 a 114 milioni (nonostante una leggera ripresa proprio nell'ultimo anno).

Calo netto anche per i prodotti agroalimentari, crollati del 49%, anche se le vendite in Grecia facciano registrare importi molto limitati rispetto agli scambi commerciali complessivi di cibo "Made in Marche.

Oltre al crollo dell’export - sottolinea Coldiretti - il rischio è che un’eventuale uscita dall'euro da parte della Grecia, con una successiva svalutazione della moneta, possa favorire una vera e propria invasione di prodotti alimentari, dall'olio alla frutta.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Annunci

Vitali - Novembre 2019

Vai all'inizio della pagina