Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

La nuova vita di "Ortensia": la vecchia fabbrica di scarpe diventa un centro polivalente

ORTEZZANO - Negli anni '60 rappresentò un significativo esempio di cooperazione territoriale. Erano gli anni del boom economico, quando le campagne si spopolavano e la corsa ai centri industrializzati la faceva da padrona. Anni in cui Ortezzano visse un momento di resistenza civile grazie ad alcuni abitanti che, proprio per evitare lo svuotamento del paese, decisero di costruire un edificio, per farne un calzaturificio. L'edificio, a cui fu dato il nome di "Ortensia", fu dato in affitto completo di tutti i macchinari. L'idea funzionò. Fino agli anni '90, quando l'ultima azienda che vi si era insediata, la Melania, chiuse i battenti e l'edificio, diventato di proprietà del Comune, cadde in disuso.

Un primo tentativo di riqualificazione risale ad una decina d'anni fa, con la costruzione di una cucina ad opera dell'Associazione Festa del Vino. I lavori si arenano per riprendere qualche anno dopo quando parte la vera riqualificazione. Vengono rifatti tetto, controsoffitto, pavimento, illuminazione, riscaldamento, infissi e bagni e viene sistemata la parte esterna. I lavori sono stati realizzati grazie ad una serie di finanziamenti: 80mila euro dalla Regione, 50mila dallo Stato, 25mila dall'Associazione Festa del vino; il resto l'ha messo il Comune.

L'edificio, che ora si chiama Centro polivalente Ortensia ed è a disposizione degli ortezzanesi per ospitare feste e attività delle associazioni, è stato inaugurato domenica scorsa alla presenza delle autorità (il sindaco Giusy Scendoni, il presidente della Provincia di Fermo Fabrizio Cesetti, l'assessore regionale alle Politiche Agricole Maura Malaspina, l'on. Amedeo Ciccanti e il presidente di Marca Fermana Maurizio Marinozzi). Nel pomeriggio di festa, che ha visto la partecipazione del corpo bandistico Aso Band e del gruppo folklorico Ortensia, ha fatto la sua prima “uscita” ufficiale l'Orto fritto di Ortezzano, dopo aver ottenuto la DeCo (Denominazione Comunale).


Francesca Pasquali

Devi effettuare il login per inviare commenti
Club Incontri

Annunci

Vai all'inizio della pagina