Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

I falchi hanno spiccato il volo. Grande successo per la festa medievale alla Basilica di Santa Croce al Chienti

Falcong presenta al pubblico i suoi rapaci

SANT'ELPIDIO A MARE - Un perfetto scenario medievale: è quello che si sono travate davanti le decine e decine di persone che ieri si sono ritrovate nei dintorni della Basilica Imperiale di Santa Croce al Chienti. Complice uno splendido sole e un clima mite, grandi e piccini hanno potuto assistere a combattimenti medievali e degustare piatti tipici, serviti da figuranti in costume d'epoca. E poi un accampamento medievale e i suoi mestieri, per arrivare alla cena sotto le stelle.

Ma i veri protagonisti sono stati loro, Falcong (al secolo Giovanni Granati) e i suoi rapaci che hanno incantato i visitatori con esibizioni di volo libero, anche dentro la Basilica di Santa Croce, aperta per l'occasione. Quella che Falcong nutre verso il volo e gli animali è una vera e propria passione che l'ha portato a lasciare il suo lavoro (istruttore di palestra) e ad intraprendere questa strada. "Non è un mestiere che ti fa arricchire in termini economici – ha spiegato – ma ti dà tantissimo sotto altri aspetti, come il contatto e il rispetto della natura".

La presenza, nel corso della festa, di esibizioni di falconeria, nei giorni scorsi era stata fortemente criticata dalla Lipu (Lega italiana protezione uccelli) che ha definito la falconeria "una pratica obsoleta e antiquata, ottusa e violenta, che niente ha a che vedere con l’amore per gli animali e l’educazione ecologica". La replica di Falcong non si è fatta attendere: "Trattiamo animali che nascono e crescono da tre generazioni in allevamenti non selvatici e che perciò non sarebbero più capaci di vivere in natura. Le nostre dimostrazioni di volo libero (non esibizioni!) avvengono in tutta sicurezza. La benda con cui copriamo gli occhi degli animali potrebbe sembrare un metodo di sottomissione, in realtà serve per preservare il loro stato psicofisico, visto che percepiscono ogni elemento esterno come un potenziale pericolo e potrebbero facilmente agitarsi. Inoltre, diamo la possibilità di far conoscere questi animali a chi altrimenti non ne avrebbe occasione, sensibilizzando il pubblico a questo mondo".

La manifestazione è stata organizzata dalle associazioni Santa Croce, San Martino, Santa Maria e Ferreo Core.


Francesca Pasquali

Devi effettuare il login per inviare commenti

Annunci

Vai all'inizio della pagina