L'ente Provincia di Fermo a tutela delle scuole. Il punto dei consiglieri Liberati e Mandolesi

FERMANO - L’ampia concertazione attivata dalla Provincia di Fermo ha permesso, con la collaborazione di Istituzioni scolastiche e Comuni, di mantenere l’offerta formativa esistente e così impedire lo spostamento in altri plessi degli alunni iscritti alle scuole dell’infanzia, della primaria e alle scuole secondarie di primo e di secondo grado.

"Nel mese di marzo - riferisce la Consigliera Pisana Liberati - come Amministrazione provinciale, sebbene di non diretta competenza, abbiamo invitato i Sindaci e i Dirigenti scolastici dei Comuni della provincia di Fermo a segnalare all’Ufficio Pubblica Istruzione eventuali criticità in fase di assegnazione degli organici di diritto, consci che per l’anno scolastico 2022/2023 non era prevista la deroga al rapporto alunni classe ex art. 18 bis del DL n. 189/2016 per i territori colpiti dagli eventi sismici del 2016 in vigore fino all’anno scolastico 2021/2022.

Da subito – continua la Liberati - è stata attivata un’ampia concertazione con l’Ufficio Scolastico per le Marche, la Regione Marche, i Comuni e le Scuole del territorio che ha permesso per l’anno scolastico 2022/2023 - appena iniziato - di arrivare alla risoluzione della quasi totalità delle criticità segnalateci per lo più legate alla non autorizzazione di classi prime per scarsità di iscrizioni o alla diminuzione dell’offerta formativa. Se non si interverrà a livello nazionale con politiche rispondenti alle necessità delle famiglie che vivono nelle aree interne – continua la Consigliera delegata all’istruzione e all’edilizia scolastica della Provincia di Fermo – la denatalità porterà inevitabilmente alla chiusura dei plessi nei “piccoli” Comuni e alla perdita dei servizi offerti alle famiglie. Bisogna cambiare questa errata tendenza".

"Il territorio della Provincia di Fermo – interviene il Consigliere provinciale con delega agli Enti Locali, Diego Mandolesi – è costituito da tanti Comuni sotto i 5000 abitanti le cui scuole sono in grande sofferenza a causa della denatalità e la conseguente diminuzione di iscrizioni. Per mantenere le scuole in questi Comuni è necessario che vengano abbassati i parametri numerici per la formazione delle classi previsti dal DPR 81/2009. Le aree collinari della provincia di Fermo stanno incontrando le stesse difficoltà dei comuni montani senza però essere tutelate in quanto vengono considerate a livello normativo come i grandi centri. Il delicato lavoro di vigilanza sulle scuole – conclude il Consigliere Mandolesi – che è stato portato avanti come Provincia ha riguardato l’intero territorio provinciale in considerazione dell’importanza che la scuola riveste nel tessuto sociale di un comune".

Devi effettuare il login per inviare commenti

Annunci

  • Colf, Badanti, Baby sitter  Massignano - 55 enne straniera con cittadinanza italiana, cerca...
  • Affitto stagionale e vacanze  Porto sant'elpidio - Affitto appartamento Di 78mq per 4 /5persone peri...
  • Colf, Badanti, Baby sitter  Montelupone - Ciao a tutti, cerco lavoro come addetta alle puliz...
  • Altro lavoro  Macerata - Per Ristorante, Pizzeria, Bar, Pub, Eventi e Sagre...
  • Servizi Diversi  Fermo - con furgone maxi, mobili, collettame, varie, possi...

Vai all'inizio della pagina
Preferenze Cookie
Le tue preferenze relative al consenso
Qui puoi esprimere le tue preferenze di consenso alle tecnologie di tracciamento che adottiamo per offrire le funzionalità e attività sotto descritte. Per ottenere ulteriori informazioni, fai riferimento alla Cookie Policy.Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento.
Analytics
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime.
Google Analytics
Accetta
Declina
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Salva la corrente selezione