Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Ce vorrìa ‘che terremotu selettivu…

Certe ‘òte pare che ‘sta cacatella de mosca ‘ppiccata su per aria che d’è lu munnu se roppe li cojoni de tutte le porcate che je facémo: inquinamentu, deforestazio’, colate de cimento, a lu sémo pilottato in tutte le maniere. Eppure de jente ‘ssennata che prèdeca de dasse ‘na carmata ci ni sta tanta, ma al più vène trattata pe’ roppicojoni, pe’ jellatori che ‘ggufa senza motivu, che se permette de mette in discuscio’ lu sistema, che d’è quillu de fa più sòrdi possibbile e in culo a tutto. E allora pare che ‘gni tanto lu munnu te vòle dà ‘na tiratella de ‘recchie e fatte capì che commanni commanni e non commanni cosa. E te sse scutùra tuttu sotto li pè, e tutto quello che te sci ‘ffannato tando a costruì a te lu scapomazza su la capoccia.

Certo, li terremoti non è che ce ‘rrentra cosa co’ lu trattamentu che l’òmu fa a la Terra, pure te verrìa da penzà che scia lu segnu de quanto sta ‘ncazzata, la Terra. Peccato che a jicce su lo menzo scia tanda pòra jente che non ce rrentra cosa; èsso, se se potesse daje un suggerimentu, a lu terremotu, potrìa èsse quellu de rcapasse mejo chi ce deve da lassà le penne: tutti li capoccio’ che commanna, quilli che pe’ rrempisse lu portafoju non rispetta le regole, che costruisce a cazzu de cà pure le scòle, l’ospedali, le case de li studenti. A quessi se duvrìa scotecà, lu terremotu, duvrìa fa piazza pulita no de li pòri cristià, no de la Storia, no de la natura, no de li frichi, ma de chi de li pòri cristià, de la Storia, de la natura e de li frichi se ne freca: èsso, ce vurrìa ‘che terremotu selettivu, che se rcapa su lo mazzo quilli che non se merita de stacce su ‘sto monno.

Eppo’ ‘lle pentecane che ce sguazza, su le tragedie dell’atri: tutti a ffionnasse su ‘lle cataste de pòri mato’, su ‘lle pòre case sbracate, su ‘lla pòra jende che non pole mango piagne in pace. Tutti: li capoccio’ de la pulìtaca co’ la faccia de circostanza e le promesse facili a fàsse e difficili a mantenesse; po’ li curiusi che pure lòco va a ‘nzaracà, e soprattutto ‘lli sciacalli de certi jornalisti che ‘pprofitta de fa spettaculu pure co’ le tragedie de la jente: “Scusi, come si sente?” E come gorbu vòj che me sento, testa de cazzo! “Signora, perché dorme in macchina?” Cuscì, stasera me jìrava cuscintra! Inzomma, robba da vracalitti.

Pure ecco nojatri che scossetta la scìmo sentita, scia ‘sta ‘òta che tutte quell’atre che lu terremotu cià jirato ‘ttorno, perché pare che quella nostra non scia terra de terremoti e grazie a Dio danni grossi e morti non ne potìmo raccontà. Ma siccome non se sa mai, sarrìa ora de ‘ssicuracce che armeno li ‘spedà scia sicuri. E soprattutto le scòle: a proposcetu, pare che a Fermo ci ni sta una (e mango troppo vecchia…) che già casca e non casca: che spettémo? In quanto a li Palazzi de lu governu se potrìa chiude un occhiu: se casca quilli pòle èsse che scia la ‘òta vòna che lu terremotu a fa più bene che male…

Devi effettuare il login per inviare commenti

Eventi Oggi

  • Musica Classica
    Napolide

    con Iaia Forte e Quartetto Anéma


    Urbino
    23 Jan 2020
  • Teatro e Danza
    Misery

    di William Goldman. Con Arianna Scommegna e Filippo Dini


    Ancona
    dal 22/01/2020 al 26/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepi napoletani in mostra

    collezione degli Amici del Presepe di Ercolano


    Ancona
    dal 07/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe Artistico in movimento

    Presepe artistico meccanizzato


    Ancona
    dal 20/12/2019 al 31/01/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe artistico meccanizzato “Benedetto XVI”
    Loreto
    dal 01/12/2019 al 01/03/2020
  • Presepi Artistici
    Presepe tradizionale meccanizzato “Santa Casa”
    Loreto
    dal 01/12/2019 al 31/01/2020

Annunci

Vai all'inizio della pagina