Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Sant'Elpidio a Mare, il gruppo comunale di protezione civile tira le somme di un anno molto impegnativo

SANT’ELPIDIO A MARE – Quello appena archiviato è stato un anno particolare per tutti. Difficile, indubbiamente, anche per i Gruppo Comunale di Protezione Civile del comune elpidiense. I volontari, sempre capitanati dal coordinatore Massimiliano Castignani, sono stati impegnati su più fronti.

Con l’apertura del C.O.C. disposta dal sindaco Alessio Terrenzi, a seguito del progredire dell’emergenza sanitaria, è iniziata una nuova, delicata fase per la collettività che ha visto la Protezione Civile in prima linea: cittadini reclusi in casa in quarantena e quindi impossibilitati ad approvvigionarsi di generi alimentari e medicinali, persone che a causa della mancanza di lavoro si sono trovate a dover risolvere problemi di sopravvivenza senza avere la capacità economica necessaria, persone che hanno fatto riferimento al C.O.C. anche per le informazioni di base legate alla gestione di questa difficile situazione.

L’attività del Gruppo Comunale di Protezione Civile, in questo contesto, è cominciata con l’informativa alla popolazione delle disposizioni restrittive dettate dal governo centrale mediante passaggi su tutto il territorio comunale con auto “fonica”. Si è poi provveduto all’assistenza delle famiglie impossibilitate ad uscire di casa mediante consegna di generi alimentari e medicinali.

Non sono mancati, inoltre, servizi non direttamente collegati all’emergenza sanitaria ma resi più complicati dalla stessa quali la consegna, nel periodo pre-pasquale, a tutti i bambini del territorio di uova di pasqua (oltre 1300), la consegna a domicilio del buoni spesa comunali (oltre 580 famiglie), la consegna di pacchi alimentari a circa 50 famiglie indigenti a cui si è aggiunta la consegna di generi alimentari, promossa da alcuni supermercati del territorio, sempre a famiglie bisognose.

L’Amministrazione Comunale, inoltre, ha inteso omaggiare i ragazzi elpidiensi neomaggiorenni di una pendrive usb contenente la Costituzione Italiana, per cui i volontari di Protezione Civile sono stati impegnati alla consegna ad oltre 700 giovani. Verso la fine dell’anno si è stati poi impegnati nella consegna, a tutte le famiglie del territorio (circa 7000), del libro “Storie collettive dell’isolamento” in cui vengono descritte varie situazioni ed esperienze durante il difficile periodo del lockdown.

Uno degli ultimi servizi, in ordine di tempo, è stato quello relativo all’assistenza, nelle mattinate dei giorni 28-29 e 30 dicembre, degli oltre 3000 cittadini di Sant’Elpidio a Mare e Porto Sant’Elpidio che si sono recati, in forma volontaria, a fare il test anti-covid promosso dalla Regione Marche ed organizzato dall’Area Vasta 4 di Fermo. Inoltre, si è dato sostegno alla Biblioteca Comunale che ha effettuato nel periodo di chiusura la consegna a domicilio di libro presi in prestito dagli utenti e si è fatta assistenza a studenti e personale docente e non docente per lo screening effettuato nei giorni scorsi presso la bocciofila elpidiense, sempre con la modalità drive in.

Un grande impegno per tutti i volontari: dal mese di marzo alla fine del 2020 sono stati espletati 580 servizi di cui 380 strettamente legati all’emergenza sanitaria; sono stati impegnati di media 10 volontari con una media giornaliera di circa 7 ore a servizio. I mezzi in dotazione al gruppo comunale di Protezione Civile hanno percorso in questo periodo oltre 10.000 km. Nonostante tutte le difficoltà, il gruppo si è incrementato di ulteriori 5 unità, raggiungendo così 32 volontari in totale.

“Il nostro è un piccolo gruppo – dice il coordinatore Castignani – ma è stato talmente “grande” da conseguire risultati da far invidia ad organizzazione molto più strutturate. Sono orgoglioso di nostri volontari e delle nostre volontarie che accompagnano sempre la loro attività con gentilezza e con un sorriso, che non manca mai. Voglio ringraziare di vero cuore tutti i volontari che hanno sacrificato il proprio tempo per dedicarsi a chi si è trovato in difficoltà sotto qualsiasi punto di vista”.

“Il Gruppo Comunale di Protezione Civile è un orgoglio per tutti noi – aggiunge il Sindaco, Alessio Terrenzi – per il grande lavoro che puntualmente svolge per la nostra collettività e non solo. E’ un gruppo prezioso, per noi, e ne abbiamo avuto prova in tante occasioni, più o meno recenti: con il terremoto, l’emergenza neve, l’emergenza dovuta all’alluvione ed ora con il Covid solo per citare le situazioni più eclatanti. Ma non dimentichiamo il ruolo che quotidianamente questi ragazzi e queste ragazze svolgono, sottraendo tempo alla loro vita, alla loro famiglia, ai loro affetti per dedicarsi alla collettività. Il ringraziamento per il loro impegno è dovuto, sia da parte mia che da parte di ogni singolo elpidiense che, ne sono certo, è orgoglioso quanto me di poter vantare un gruppo così attivo e prezioso”.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Club Incontri

Annunci

Vai all'inizio della pagina