Incontro per riflettere sul tema delle esperienze all'estero e delle migrazioni con la presenza del Vescovo Mon. Rocco Pennacchio

PORTO SAN GIORGIO - Si svolgerà martedì 11 giugno, alle ore 21:00 presso la Parrocchia Sacra Famiglia di Porto San Giorgio l'incontro dal titolo “Voci di Cambiamento: Migrazione, Missione e Sviluppo integrale".

L'evento, promosso dalla Caritas Diocesana di Fermo e dall'Ufficio Missionario, sarà aperto dalle testimonianze di esperienze concrete in corso di realizzazione nei Paesi in via di sviluppo (in particolare in Africa).

Dopo le testimonianze di esperienze concrete, ci sarà la riflessione a cura di Simone Breccia, direttore della Caritas Diocesana di Ancona-Osimo. L'intervento conclusivo sarà a cura di Mon. Rocco Pennacchio, Vescovo della Arcidiocesi di Fermo e Presidente Comitato per gli interventi caritativi per lo sviluppo dei popoli, organismo della Conferenza Episcopale Italiana.

L'importante iniziativa si inserisce nel percorso di riflessione avviato dal cammino sinodale, che ha fatto emergere una maggiore collaborazione tra gli Uffici Pastorali e un coinvolgimento attivo della comunità.

Le testimonianze che verranno presentate sono -infatti- frutto di impegno della Chiesa locale verso i Paesi in via di sviluppo, come -ad esempio- l'esperienza di don Oreste Habiyambere impegnato nelle attività della scuola a Ruhengeri in Rwanda; tra i relatori anche una coppia di giovani missionari laici, Sirio e Martina, che da alcuni mesi sono impegnati a Robe, in Etiopia.

Barbara Moschettoni, direttrice della Caritas Diocesana di Fermo, sottolinea: “E' molto importante far conoscere le numerose esperienze attive nei Paesi in via di sviluppo (come ad esempio l'Africa) che, sono spesso i Paesi, da dove partono i migranti e richiedenti asilo, che sfuggono da questi territori proprio per ricercare migliori condizioni di vita, opportunità di formazione e lavorative, ovvero poter accedere alle cure e servizi sanitari minimi.”

La Chiesa italiana ha molto investito (negli ultimi anni) nella campagna denominata “Liberi di partire, liberi di restare” che, ha permesso di finanziare attività di carattere sociale e sanitario a favore delle fasce più deboli, soprattutto a favore di minori e vittime di tratt, e progetti in ambito socioeconomico per la promozione di opportunità lavorative, così come di sostenere l’educazione, formazione e la sanità nei Paesi in via di sviluppo.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Annunci

Vai all'inizio della pagina
Preferenze Cookie
Le tue preferenze relative al consenso
Qui puoi esprimere le tue preferenze di consenso alle tecnologie di tracciamento che adottiamo per offrire le funzionalità e attività sotto descritte. Per ottenere ulteriori informazioni, fai riferimento alla Cookie Policy.Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento.
Analytics
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime.
Google Analytics
Accetta
Declina
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Salva la corrente selezione