Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Il ministro per le pari opportunità Bonetti a Fermo: "In questo territorio reti di comunità importanti, così riparte il Paese"

FERMO - “Oggi mi è stata rappresentata qui a Fermo una parola importante che è connessione: questo territorio ha saputo costruire reti di comunità tra istituzioni sia con il mondo sociale che con il privato, reti in grado di mettersi in gioco, caricarsi responsabilità e sanare fragilità che sono la cifra della ripartenza per il Paese”. Le parole del Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti questa mattina a Fermo, accolta dal Sindaco Paolo Calcinaro e dal Prefetto Vincenza Filippi nella Sala dei Ritratti di Palazzo dei Priori, alla presenza di autorità civili, militari e religiose.

In apertura il benvenuto del primo cittadino che ha rappresentato al Ministro “il lavoro fatto in campo sociale della città anche durante il periodo del lockdown e che ha visto una grande sinergia fra enti, Prefettura, mondo sanitario, associazioni e le azioni che l’Amministrazione Comunale e l’Ambito XIX stanno portando avanti per sostenere ed essere di supporto alle fragilità del territorio”.

Quindi le parole del Prefetto che, nel “ringraziare il Ministero della famiglia per i provvedimenti che adotta, ha fatto riferimento alla collaborazione recente con il Governo con la sottoscrizione con il Ministero dell’Interno di protocolli volti a contrastare il bullismo ed il cyber bullismo”.

Ad illustrare e dare un quadro della progettualità sociale nel territorio il coordinatore dell’Ambito XIX Alessandro Ranieri che ha ricordato come “al centro della pianificazione e dell’azione territoriale c’è la comunità, le risorse che un territorio riesce ad esprimere e non solo, la capacità di erogare servizi, il sistema per funzionare ha bisogno anche di molta attenzione ai diritti civili, all’accettazione delle diversità e quindi all’inclusione sociale ed alla possibilità di farsi carico per accompagnare i percorsi verso l’autonomia”.

Ranieri ha anche parlato del tema della violenza di genere, ricordando che l’Ambito da anni ha aderito al Protocollo di Rete voluto e coordinato dalla Prefettura di Fermo, con un coinvolgimento da parte di tanti Enti istituzionali e non del territorio ed in collegamento con la Regione Marche, cui ha fatto seguito l’intervento di Laura Gaspari dell’Associazione On The Road, che sta gestendo in convenzione con l’ATS, i Servizi per la Rete Antiviolenza.

Dopo l’intervento alla Sala dei Ritratti, il Ministro Bonetti è stata invitata dal Sindaco a visitare l’Adorazione dei Pastori del Rubens e la Sala del Mappamondo all’interno della quale il Ministro ne ha ammirato la bellezza. Quindi la visita alla realtà della fattoria sociale Montepacini dove è stata accolta dai ragazzi che frequentano lo Cser, che le hanno offerto fiori e piante aromatiche coltivate negli orti della fattoria, dai ragazzi del Soccer Montepacini e dai bambini del Centro Estivo. Il Sindaco le ha mostrato anche la nuova realtà che sta per nascere del ristorante a chilometro zero, che sarà gestito dagli ospiti della Cooperativa sociale, in collaborazione con l’Istituto “C. Urbani” di Porto S. Elpidio, e dove i ragazzi avranno un ruolo da protagonisti.

Ultima tappa al Nido d’Infanzia “M. Santoro”, che attualmente ospita il centro estivo per bambini da zero a tre anni, che il Sindaco ha ricordato come struttura presa a modello dall’Enea per il risparmio energetico e dal Ministero per le Politiche Agricole per la mensa biologica della scuola, struttura per la quale il Ministro Bonetti ha espresso apprezzamento per il lavoro che svolge, complimentandosi anche con il Personale.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Club Incontri

Annunci

Vai all'inizio della pagina