Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Incontro con Regione ed ASUR su emergenza sanitaria ed assistenza agli anziani non autosufficienti

MARCHE - Nel pomeriggio di lunedì 30 marzo, SPI FNP e UILP Marche hanno incontrato in videoconferenza l’Assessore Angelo Sciapichetti, il Direttore generale dell’ASUR Marche Nadia Storti, e il Responsabile del Servizio regionale politiche sociali Giovanni Santarelli. L’incontro, svoltosi su richiesta delle organizzazioni sindacali, aveva l’obiettivo di affrontare il delicato tema dell’assistenza agli anziani non autosufficienti in questo periodo di emergenza sanitaria, con particolare riguardo alle problematiche legate allo sviluppo di focolai di infezione da Covid 19 nelle strutture residenziali, specie quelle di piccole dimensioni.

SPI FNP e UILP Marche hanno fatto presente la necessità di sottoporre tutto il personale di assistenza, oltre ovviamente agli utenti, ai tamponi necessari per rilevare la presenza del virus, ma anche a tutte le misure di prevenzione concordate a livello nazionale con il Governo. Hanno inoltre evidenziato la necessità di trovare spazi dedicati per ricoverare gli utenti positivi al Covid. Sono state evidenziate infine le criticità relative alla chiusura dei Centri Diurni, che lascia sole le famiglie nell’affrontare pesanti carichi assistenziali, e la riduzione delle attività legate all’assistenza domiciliare.

Il Direttore generale ASUR ha fatto presenti le responsabilità degli Enti gestori delle strutture rispetto alla dotazione dei presidi di protezione e alla gestione delle procedure necessarie a contenere il contagio. L’ASUR ha comunque proceduto ad una mappatura delle strutture, classificate in Rosse, Gialle, Verdi e Bianche in ordine crescente di gravità rispetto al numero dei contagi.

Sono stati istituiti 200 posti dedicati agli utenti contagiati, suddivisi in parti uguali presso le strutture di Villa Fastiggi (Pesaro) e Campofilone (FM). Resta critica la situazione dei tamponi. A causa della scarsa disponibilità di materiale, al momento non è possibile farli a tutti gli operatori e agli ospiti. Entro questa settimana sarà attivato un servizio specifico denominato USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale), consistente in un Mezzo di Soccorso dotato di Medici di MG, di Infermiere e di Assistente sociale, che avrà il compito di visitare a domicilio i malati, con possibilità di eseguire anche alcuni esami diagnostici come Radiografie.

Tali Unità, equipaggiate con i dispositivi di sicurezza individuali idonei, consentiranno interventi precoci, riducendo i tempi di attesa per tamponi e interventi assistenziali e prevenendo, ove possibile, l'acuirsi della malattia, riducendo, in questo modo, eventuali necessità di ricovero. Il Responsabile del Servizio sociale regionale ha rilevato la necessità di una maggiore sinergia tra Ambiti Territoriali Sociali e Distretti Sanitari, rilevando anche la difficoltà di mettere a disposizione i presidi di protezione individuale, in particolare alle strutture di piccole dimensioni.

Ha inoltre emanato una Direttiva che consente di coinvolgere le Associazioni di volontariato per la distribuzione a domicilio di farmaci e della spesa. In conclusione SPI FNP e UILP Marche hanno ribadito la necessità di istituire una Cabina di regia per gestire questa complessa e delicatissima situazione. Si è concordato di incontrarsi di nuovo tra circa 10 giorni. Nel frattempo SPI FNP e UILP Marche invitano le proprie strutture territoriali a continuare nel monitoraggio della situazione delle realtà locali, per condividere le eventuali evoluzioni.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Club Incontri

Annunci

Vai all'inizio della pagina