Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

"Bookmarchs – L’altra voce", evento a Petritoli il 13 settembre

PETRITOLI - Continua il percorso della Terza edizione di Bookmarchs – L’altra voce, il festival dedicato ai libri presentati dai loro traduttori. Dopo quattro appuntamenti a distanza sulle piattaforme digitali, il festival torna nei suoi territori d’elezione, a Petritoli, per l’unico evento dal vivo di questa edizione 2020; un ‘edizione ibrida, on-line e in presenza, a causa delle restrizioni dettate dalla pandemia. Un incontro fra musica e parole, che oscillerà fra due mondi, distanti ma molto legati, Italia e Argentina, grazie alle letture dello scrittore italo-argentino Adrian N. Bravi e alla musica del duo anch’esso italo-argentino composto da Julian e Pablo Corradini. Un evento dal vivo organizzato nel rispetto dei protocolli anti-Covid-19 e fortemente voluto dal Comune di Petritoli, che ospiterà dunque l’unico evento dal vivo di Bookcmarchs 2020. Gli altri comuni che hanno aderito al festival e che idealmente hanno ospitato e ospiteranno gli eventi on-line sono Pedaso, Moresco e Monte Rinaldo.

Adrián N. Bravi è nato a Buenos Aires, vive in Italia dalla fine degli anni ’80. Ha pubblicato il suo primo romanzo in lingua spagnola nel 1999, a Buenos Aires, ma dopo alcuni anni ha iniziato a scrivere in italiano ed è autore di diversi testi, tra cui Il riporto (Nottetempo), L’albero e la vacca (Feltrinelli - Premio Bergamo), L’inondazione (Nottetempo), La gelosia delle lingue (Eum), L’idioma di Casilda Moreira (Exòrma), Il levitatore (Quodlibet), uscito quest'anno e finalista al Premio Comisso. Dunque non sarà un traduttore, come da tradizione del festival, ma uno scrittore a presentare i suoi testi che nascono tuttavia da un dialogo sottile fra la lingua d’origine, il castellano, e la lingua d’approdo, l’italiano; per uno scambio continuo fra un immaginario sudamericano e un vestito linguistico italiano. La scrittura di Bravi assomiglia dunque a un atto di traduzione e di trasposizione della propria immaginazione da una lingua originaria a una lingua di destinazione. Del resto il festival quest’anno è dedicato idealmente a Juan Rodolfo Wilcock, altro grande scrittore italo-argentino, che aveva scelto la stessa migrazione linguistica di Adrian N.Bravi, dal castellano all’italiano. Ad accompagnare le letture di Adrian Bravi, tratte da alcuni dei suoi testi più recenti, ci sarà la musica del duo musicale, anch’esso italo-argentino, composto dai fratelli Julián e Pablo Corradini, che presenteranno composizioni originali e brani della tradizione popolare argentina.

Fino a questo momento il festival si è mosso ragionando sul concetto di “Nuovi Mondi”, con eventi on-line a partire dal Bloomsday, ovvero il 16 giugno, il giorno in cui si svolge l’Ulisse di James Joyce, con un evento curato da Edoardo Camurri e dedicato appunto a Joyce e Wilcock. La rassegna è continuata poi il 30 giugno, con Chiara Lagani, traduttrice de I libri di Oz di Frank Baum; a seguire, il 23 luglio, Samanta Milton Knowles che ha parlato della sua nuova traduzione di Pippi calzelunghe di Astrid Lindgren e per finire il 3 agosto Flavio Santi ha raccontato al pubblico le sue strategie di traduzione di Dracula di Bram Stoker. I video degli eventi sono disponibili al link: http://bookmarchs.it/?page_id=1934

Nel frattempo, la comunità di Boockmarchs composta da traduttori, editori, redattori, scrittori, addetti ai lavori e semplici lettori, invita a partecipare all’iniziativa #sullostessorigo finalizzata a dare al traduttore la giusta visibilità nel suo ruolo di co-autore dei libri stranieri tradotti in italiano. Il traduttore come altra voce del testo: una maratona di letture (aperta a tutti) in cui i nomi dell’autore e del traduttore, sua voce nell’altra lingua, saranno insieme, #sullostessorigo. Ognuno è invitato a girare e pubblicare un breve video con la lettura di alcune righe di un autore straniero amato nella traduzione italiana, citando infine i nomi di autore e traduttore #sullostessorigo, quasi come fossere un nome unico. Un’iniziativa che è possibile seguire sui social del festival: Instagram – Twitter – Facebook.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Club Incontri

Annunci

Vai all'inizio della pagina