Piano per l’Arte Contemporanea, Fermo fa il bis. Le opere di Chiara Camoni nel progetto della professoressa Matilde Galletti

FERMO - Fermo polo dell’arte contemporanea. Grazie al progetto ideato e curato dalla professoressa Matilde Galletti, il Comune di Fermo si aggiudica, per il secondo anno consecutivo, la vittoria del PAC – Piano per l’Arte Contemporanea –, il bando promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura che sostiene e premia, a livello nazionale, l’acquisizione e la produzione di arte contemporanea all’interno delle collezioni pubbliche.

37 sono i progetti selezionati dalla commissione ministeriale, per uno stanziamento complessivo di 3 milioni di euro: 3 le candidature vincenti provenienti dalle Marche, con il Museo Tattile Statale Omero di Ancona e la Pinacoteca Civica Bruno Molajoli di Fabriano che affiancano il già citato Comune di Fermo. 3 sono anche le sezioni del bando, che coprono l’acquisizione di opere realizzate negli ultimi 70 anni – per cui Ancona e Fabriano si sono dimostrate virtuose –, l’acquisizione di nuove collezioni o archivi, e la produzione di nuove opere. Si situa in quest’ultima sezione il progetto fermano dal titolo “Chiara Camoni. Erbacce e fonti. Succhi d’erbe. Spiritelli”, che prosegue così l’apertura della collezione museale al contemporaneo, avviata grazie al PAC dello scorso anno e al lavoro del duo Vedovamazzei, “Bell”. La ricerca di Chiara Camoni, artista storicizzata e riconosciuta a livello internazionale, è tutta nella natura, nella terra e nelle storie che raccontano. Ogni petalo, ogni erbaccia, ogni ramo, ogni foglia rappresenta un territorio, e contiene in sé una precisa narrazione, che la pratica artistica – con il suo scomporre, mutare e riassemblare – riesce a condurre agli occhi di tutti. Le sue opere, tra materie organiche e non, richiamano un fare e un sapere arcaico, riflettono una dimensione del femminile che va al di là del semplice stereotipo di genere; concetti a cui, per essere narrati, non basta l’esposizione a Palazzo dei Priori – ancora da annunciare – bensì richiedono ulteriori occasioni di approfondimento. In questo senso si pongono le conferenze e i laboratori pensati in collaborazione con l’associazione Karussell e con il patrocinio dell’Accademia di Belle Arti di Macerata. Sono in corso infatti, presso il Terminal Mario Dondero, degli Incontri sull’Arte Contemporanea in cui la stessa Matilde Galletti percorre a grandi linee temi, movimenti e idee, dal ‘900 ad oggi, che contestualizzano e introducono il lavoro dell’artista presto di casa a Fermo. Dopo “Le avanguardie storiche: un racconto al femminile” e “Anni ’60: corpo, azione e movimento”, sono previsti altri due incontri venerdì 23 febbraio e domenica 25 febbraio, alle 18, rispettivamente dal titolo “Land Art e spazi di (esplor)azione” e “Altre voci: Anni Albers, Maria Lai, Marisa Merz”.

Questo premio sull’arte contemporanea – dice l’assessore alla cultura del Comune di Fermo Micol Lanzideirappresenta una grande opportunità dal punto di vista culturale, ma anche un’occasione unica di arricchimento del patrimonio pubblico museale e un importante investimento. In un momento nel quale la cultura e l’arte si dimostrano grande, strategica risorsa, con questa proposta innovativa si amplieranno le testimonianze di cui è già ricco il territorio, spaziando dalla storia più antica a forme più moderne di arte. Teatro, musica, arte figurativa, tutto ciò che è arte, cultura, contemporaneo, trova casa qui”.

Di Danilo Monterubbianesi

Devi effettuare il login per inviare commenti

Annunci

Vai all'inizio della pagina
Preferenze Cookie
Le tue preferenze relative al consenso
Qui puoi esprimere le tue preferenze di consenso alle tecnologie di tracciamento che adottiamo per offrire le funzionalità e attività sotto descritte. Per ottenere ulteriori informazioni, fai riferimento alla Cookie Policy.Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento.
Analytics
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime.
Google Analytics
Accetta
Declina
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Salva la corrente selezione