Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Tempo fino a dicembre per decidere sul futuro dell'Unione Comuni Valdaso

VALDASO - L'Unione Valdaso prova a darsi un'altra chance, tempo fino a dicembre per decidere. Viene da chiedersi se non sia l'ennesimo tentativo di procrastinare l'epilogo dell'ente territoriale ma ad oggi i sette sindaci appaiono coesi. Nei giorni di ferragosto è arrivata la decisione unanime da parte dell'assemblea di attribuire l'incarico al sindaco di Lapedona, in una fase più che mai delicata. L'ente infatti, nato sotto i migliori auspici, ha subito negli anni un impoverimento dal punto di vista delle risorse che è andato di pari passo con la crescente diminuzione di quelli che erano stati i servizi condivisi fra i campanili.

Giuseppe Taffetani, ci aveva sempre creduto e negli ultimi tre anni, durante la presidenza dell'ex sindaco di Pedaso Barbara Toce, era stato vice presidente, incarico anche questo determinante per la decisione odierna degli altri sindaci. Non da ultimo, proprio Taffetani negli ultimi tempi era stato quello ad attivarsi per trovare delle soluzioni e anche per questo è sembrato a tutti gli altri il nome più giusto per affrontare questa ulteriore fase di passaggio. Accanto al sindaco di Lapedona come vice c'è ora il neosindaco di Pedaso, Vincenzo Berdini e il Consiglio è formato da tutti e sette i sindaci, fatta eccezione per Monterubbiano rappresentata dalla vice sindaco, Silvia Moreschini.

Accettare l'incarico in un momento così difficile e decisivo per le sorti dell'ente è stata una decisione sofferta: “Non è stato facile – ha affermato Taffetani - ma io ci credo e dunque ho chiesto la collaborazione di tutti per andare avanti, entro dicembre dovremo prendere una serie di decisioni. Abbiamo già sottoscritto una serie di punti e di priorità”. Uno dei principali obiettivi sarà quello di valutare il reale stato dell'ente, mettendo sotto una lente i punti di forza e di debolezza, per poi prendere un'unica decisione finale che stabilisca se vale davvero la pena continuare o mettere fine all'Unione. Fra le altre priorità c'è l'appalto sui trasporti scolastici da definire quanto prima e la vendita dell'immobile della sede dell'Unione che si trova a Piane di Moresco, struttura che, come spiegato da Taffetani, non è più funzionale agli scopi dell'ente. Quanto ai servizi, sarà fatto in modo di dislocarli all'interlo dei Comuni, gestendo il tutto per via telematica. Poi ci sarà da decidere e da riorganizzare i piani di Protezione Civile a partire da quelli dei singoli Comuni, per poi integrarli all'Unione. I Sindaci sembrano coesi nell'andare avanti insieme verso un'unica decisione che come tutti si augurano sia quella di sanare l'ente per poi renderlo condiviso nel vero senso della parola. Un'operazione a cuore aperto sull'ente nell'ultimo estremo tentativo di tenerlo in vita.

(Serena Murri)

Devi effettuare il login per inviare commenti

Eventi Oggi

  • Altri eventi
    Incontri sulla fotografia

    All'ombra del realte. Presso il Palazzetto Baviera


    Senigallia
    dal 20/01/2018 al 03/02/2018
  • Altri eventi
    Il basso ostinato

    da Bach a Billy Cobham. Incontro musicale a cura del M° Luigi Livi


    Urbino
    dal 09/01/2018 al 23/01/2018
  • Teatro Ragazzi
    Il borgo è incantato

    rassegna di teatro ragazzi al Borgo S. Maria di Pesaro


    Pesaro
    dal 14/01/2018 al 04/02/2018
  • Musica Classica
    FORM

    tanti appuntamenti con la musica di qualità in tutte le Marche


    Ancona
    dal 16/12/2017 al 23/01/2018
  • Presepi Artistici
    Presepe artistico meccanizzato
    Ancona
    dal 24/12/2017 al 31/01/2018
  • Presepi Artistici
    Presepe artistico meccanizzato “Benedetto XVI”

    Esposizione permanente


    Loreto
    dal 01/12/2017 al 01/12/2018

Annunci

Vai all'inizio della pagina