Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Appennino Alto Fermano per la strategia delle aree interne. Incontro in Regione

FERMANO - “Collaborazione, rete, economia: tre direttrici indicate dal ministero per procedere in tempi rapidissimi al riconoscimento dell’Appennino Alto Fermano nell’ambito della Strategia Nazionale delle Aree Interne”. Lo ha riferito il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli ai sindaci di Amandola, Montefalcone, Mon-tefortino, Montelparo, Monte Rinaldo, Santa Vittoria in Matenano e Smerillo, incontrandoli nella sede regio-nale in presenza dell’assessore Fabrizio Cesetti e del consigliere Francesco Giacinti. Nei giorni scorsi, infatti, il presidente ha coinvolto nel progetto di allargamento della Strategia dell’Alto Fer-mano il ministro per la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, che ha manifestato interesse a finanziare progetti che mirano allo sviluppo insistendo sul versante economico e sulla progettualità in una visione inte-grata tra i Comuni.

“Grandissima opportunità di crescita e sviluppo, non va perso neanche un minuto - ha detto il presidente - Le risorse ci sono per attivare concretamente il percorso prima possibile.

E’ un ottimo punto di partenza per territori fragili che hanno subito nel tempo un processo di marginalizza-zione e declino demografico e che grazie alla 'Strategia' possono essere rilanciati attraverso azioni per lo svi-luppo locale e il rafforzamento dei servizi essenziali alla cittadinanza (sanita', trasporti e istruzione) da attua-re sia con risorse ordinarie sia con risorse europee (Fse, Fesr e Feasr)”.

I sindaci hanno accolto come ottima la notizia dicendosi “pronti a partire per questa progettualità condivisa” per una “città di sette Comuni – ha detto l’assessore Cesetti – E’ avviato un percorso di maggiori opportunità per territori, alle cui condizioni di debolezza si sono aggiunte le ferite del sisma. Se vogliamo che queste ter-re non si spopolino e riprendano vitalità queste sono le giuste condizioni soprattutto per i giovani, perché è attraverso di loro che si riscostruisce il senso di comunità per permettere ai territori di crescere e potenziarsi. Essere riconosciuto a livello regionale come area interna, infatti, dà vantaggi in molteplici ambiti come ad esempio nell’edilizia scolastica, nelle tecnologie e nel grande progetto per la Banda ultra larga, e altre priori-tà specifiche riservate alle aree interne”.

Nelle Marche avremo quindi 5 aree interne che coprono tutto l’Appennino nella logica della crescita econo-mica, ha ricordato Ceriscioli. Attualmente le aree interne sono tre: basso Appennino pesarese-anconetano, Macerata e Ascoli Piceno.

La Regione ha richiesto il riconoscimento, che dovrebbe arrivare insieme all'alto Fermano, anche per una quinta area: Montefeltro e alta valle del Metauro.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Annunci

Vai all'inizio della pagina