Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Stampa questa pagina

Videx, ora la sosta per preparare al meglio l’esordio in Coppa Italia

PALLAVOLO - Un’altra trasferta, probante solo dal punto di vista logistico, è alle spalle. L’ennesimo 3-0 che ormai non fa più notizia perchè la Videx corre spedita verso i playoff con 10 punti di vantaggio sulla seconda della classe, Tuscania, e ben 15 su Corigliano, quinta forza del girone. “Temevamo molto questa partita perché la ripresa dopo la sosta è sempre piuttosto delicata - le parole di coach Ortenzi - E’ iniziata male perché la Golem ha spinto molto sull’acceleratore ma siamo stati molto bravi a non disunirsi e a non perdere la concentrazione. Abbiamo ricucito il gap punto dopo punto, siamo cresciuti in tutti i fondamentali e sfruttato moltissiei occasioni di breakpoint facendo una gara davvero concreta con pochissimi errori e grande determinazione. Non potevamo chiedere di meglio”.

Non solo la classifica ma anche il calendario sorride alla banda di coach Ortenzi. La seconda giornata di ritorno concede infatti un turno di riposo: un’occasione quanto mai ghiotta per ricaricare le batterie e prepararsi al meglio in vista dei quarti di finale di Coppa Italia contro la Peimar Calci, la seconda forza del campionato di A2, , in programma mercoledì 15 gennaio (ore 20.30) al PalaParenti di Santa Croce sull’Arno. “Abbiamo approfittato per staccare un po’ e ritornare in palestra più carichi che mai - ha aggiunto Ortenzi - Vogliamo andare a Santacroce a fare una gara nelle nostre corde: esprimere una buona pallavolo facendo ciò che sappiamo fare meglio e magari approfittando di eventuali spiragli che dovessero all’occorrenza aprirsi nell’arco del match. Calci è una corazzata ma è anche vero che nel volley con la giusta determinazione si possono fare ottimi risultati”.

Una sfida certamente probante contro un avversario di categoria superiore ma allo stesso tempo stimolante ed affascinante per una compagine, come Grottazzolina, alla quale la serie A3 non ha finora creato grossi grattacapi. Alzare l’asticella e mettersi nuovamente alla prova per un’altra importante tappa di un percorso già largamente tracciato.

Devi effettuare il login per inviare commenti