Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Stampa questa pagina

Film-documentario sullo Sprar di Porto San Giorgio. Martedì la proiezione alla sala Iotti della Camera dei Deputati

PORTO SAN GIORGIO - Martedì 19 marzo, presso la Sala Nilde Iotti della Camera dei Deputati verrà proiettato un film-documentario, “Paese Nostro”, che racconta il mondo dell’accoglienza attraverso l’attività di sei progetti SPRAR, tra cui quello di Porto San Giorgio, unico nella Regione Marche ad essere rivolto a richiedenti asilo e rifugiati con problematiche di disagio mentale.

Alla proiezione e alla conferenza stampa parteciperanno come invitati in rappresentanza del Progetto, attivo a Porto San Giorgio dal 2006, gli assessori del Comune Elisabetta Baldassarri e Francesco Gramegna, il responsabile del Servizio Rifugiati della Coop. Sociale Nuova Ricerca Agenzia Res Alessandro Fulimeni e la coordinatrice Federica Pietracci, quest’ultima anche protagonista del primo episodio del film.

Infatti, in particolare, ad essere raccontato è il lavoro sociale di alcuni operatori, i loro sogni e le loro fatiche, la quotidiana sfida per la costruzione di una società più aperta e inclusiva. Paese Nostro è un lavorosull’accoglienza diffusa realizzato da alcuni registi tra cui Andrea Segre, Sara Zavarise, Michele Aiello, Matteo Calore e altri, prodotto dall’associazione di produzione e distribuzione ZaLab ed è stato realizzato grazie ad un bando del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (FAMI). Da ormai due anni il film è inspiegabilmente bloccato presso il Ministero degli Interni, proprietario dei diritti e non può essere diffuso al pubblico. L’iniziativa alla Camera dei Deputati vuole favorire il superamento di questa impasse, chiedendo pubblicamente al Ministero di fornire spiegazioni su questa situazione paradossale e lanciando la distribuzione libera e gratuita del film, mettendolo a disposizione a chiunque lo voglia proiettare in occasioni pubbliche e senza scopo di lucro. A maggior ragione in una fase come quella attuale dove si sta cercando di ridimensionare pesantemente gli spazi di democrazia solidale e di cittadinanza attiva al cui interno, dai primi anni 2000, si è andata creando una solida rete settoriale, dedicata all’accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati, altamente strategica sul piano del percorso democratico italiano.

Molte realtà si sono impegnate nella costruzione e crescita del sistema di protezione dei richiedenti asilo e dei rifugiati (SPRAR) e molti Comuni,come quello di Porto San Giorgio, ne hanno assunto la titolarità attraverso una sinergia virtuosa con associazioni e comunità locale. Le energie e i risultati ottenuti hanno messo in campo reali percorsi di inclusione e hanno contrastato efficacemente i rinati sentimenti di odio e xenofobia.

“Paese Nostro” si pone in continuità con la difesa di un sistema valoriale, ancor prima di un sistema sociale e si pone in contrasto a una narrazione politica, che spesso ha sottostimato e messo in discussione l’impegno degli SPRAR sul territorio e che ora sta cercando di svuotarli dalla loro funzione principale, l’accoglienza dei Richiedenti Asilo.

Questo film, che sarà portato a breve a Porto San Giorgio e nei Comuni limitrofi, può essere uno strumento efficace e significativo per riflettere sulle sfide del nostro presente e per far coinvolgere i cittadini italiani su sulle possibili conseguenze, per tutta la società, di una riduzione profonda del sistema d’accoglienza che colpisce diritti inalienabili e bisogni primari.

Devi effettuare il login per inviare commenti