Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie per analisi, contenuti personalizzati e pubblicità.

Stampa questa pagina

Venerdì 8 febbraio nuovo appuntamento con “Correre oltre me”, il libro scritto da Samuela Baiocco

FERMO - Venerdì pomeriggio, alle 18.30, prosegue il tour di presentazioni del libro “Correre oltre me” di Samuela Baiocco. Stavolta sarà l’oratorio di San Domenico, in Largo Maranesi a Fermo, ad ospitare l’incontro letterario che prevede una declinazione musicale di alto profilo. Ad accompagnare il dialogo dell’autrice con il pubblico, affiancata dall’editore Carlo Pagliacci, saranno infatti Maria Pauri al pianoforte e la soprano Loredana Chiappini, un duo musicale che proporrà arie di Händel, Puccini, Rossini.

“Come sempre cerco di portare qualcosa di nuovo e stimolante in ogni presentazione” sottolinea la Baiocco “ed anche in questo caso mi sono fatta accompagnare dalla musica, come già in passato, ma con un timbro diverso, quello dell’opera lirica. I temi che affrontano le arie che verranno interpretate da queste amiche artiste sono incentrati sul desiderio di libertà, sul rapporto figli genitori, sull’amore, e rispecchiano in pieno molte delle pagine del mio libro. Anche nel romanzo che ho scritto ho parlato di libertà, di famiglia, di innamoramento, di amicizia, cercando di restituire un valore universale a queste situazioni, che possono capitare a tutti, anche a chi vive condizioni di disabilità”.

Ed è proprio questo il senso profondo del libro “Correre oltre me”, come si legge nelle pagine finali, ossia il raccontare “la storia della normalità che può esservi dietro un corpo limitato, della bellezza e del valore che si possono scoprire in una vita destinata alla sofferenza e apparentemente non meritevole di esistere”. Un libro che continua a riscontrare consenso tra i lettori proprio per la sua schiettezza, la sua genuinità, la sua allegria. “Non mi sono mai pianta addosso, ho sempre cercato di affermare la mia identità, il mio essere Samuela nonostante tutto, e questo libro, che pure ha la forma narrativa del romanzo, ne è una prova” conclude la Baiocco.

Devi effettuare il login per inviare commenti